i tacchi

I tacchi:

mi domandi perché

indosso i tacchi.

.

I tacchi:

ti parlo dei tacchi.

.

I tacchi son due.

.

Un tacco

se lo stacco

è solo un pezzetto:

ci son cose

che è meglio non stian

da sole.

.

Due tacchi,

ecco perché indosso i tacchi:

.

i tacchi mi seducono

i tacchi mi innalzano

i tacchi mi sorreggono

.

i tacchi mi fan fare “tac tac”

“tac tac”:

i tacchi si misurano il tempo l’un l’altro

forse si parlano fa loro

non comprendo a fondo questa lingua segreta

ma loro, fra una chiacchiera e l’altra,

segnalano che io sono qui

.

i tacchi:

a volte mi fan perdere l’equilibrio

i tacchi mi fanno bella

i tacchi mi fanno femmina,

già lo sono, è vero,

ma i tacchi lo dicono a tutti

.

i tacchi:

altro non ti so dire

sui tacchi

.

anzi una cosa ancora:

qualcosa di simile

accade

quando tu mi tocchi


poesie

11 commenti su “i tacchi

  1. Bello questo dibattito maschile sui modi della femminilità…
    …bello giocare con tutti i trucchi a disposizione, ma bella anche quell’intimità che permette di mostrarsi così come si è, capelli spettinati, pigiama di flanella e tutto il resto…no?
    Da bambina ho giocato ore e ore con i vestiti di mia nonna, credo che sia questo che mi attira di trucchi, abiti e quant’altro: la possibilità di mutare fogge e colori, dare una veste diversa alla propria identità, cambiare e rimanere gli stessi. Il gioco, questo strumento potentissimo, che ci permette di fare sul serio facendo finta, sperimentare, cambiare, senza farsi male.

  2. @-> Io…d’accordo, Io (…come potrei non essere d’accordo con Io? : – )…il gioco della seduzione è affascinante ed importante, non volevo sminuirlo, nè dire che lo disdegno, anzi ne riconosco il ruolo e la bellezza…quello che mi piace poco è l’artificialità portata agli estremi, esasperata, e anche questo capita spesso…tutto qui…poi, che dire ancora? In generale, non faccio testo…Pensa che, a dirla tutta, se di una donna sono innamorato veramente, la trovo immensamente fascinosa anche appena sveglia, con ancora tutto il trucco dei suoi sogni negli occhi assonnati e nei capelli scarmigliati : – )

  3. Smirky… di donne realmente acqua e sapone penso ce ne siano un nunnulla.
    La bellezza dell’esser Femmina è poter dare l’Illusione dell’acqua e sapone,
    la genuinità dell’effetto naturale…
    ma di trucchetti dietro ce ne sono.
    Ed è bello;
    è la furbizia e il gioco di cui parla Alessandra penso.

  4. forse sono stato troppo criptico nel mio scrivere : – ) non intendevo dire che le donne sono succubi di questi strumenti, anzi, so benissimo che li sanno utilizzare al meglio…quello che dicevo è una cosa molto più semplice: alla donna truccata, preferisco quella acqua e sapone, alle capigliature super-elaborate, preferisco un acconciatura elegante ma semplice, ecc….tutto qui, è solo questione di gusti e di punti di vista…non ho niente contro i tacchi : – )

  5. cioè son daccordo che mi piacciono i tacchi e odio le scarpe a punta pure io…quanto alle strutture civilizzanti, non so, io credo che le femmine, se son furbe, sappiano utilizzare trucchi, tacchi e amennicoli vari come piace a loro e non come la società vuole. Che poi, a dirla tutta, mica si può vivere avulsi dal contesto… credo tutto stia nel saper giocare con queste faccende, no?

  6. A me piacciono molto;
    una cosa sola però,
    è importante questa cosa,
    molto – importante…
    VIA DAI PIEDI DI DONNA LE SCARPE A PUNTA:
    son oggettivamnte antiestetiche, son ostili, minacciose, all’erta…
    Buscaglione -in Sofisticata- di tacchi ne sapeva…

  7. uhm…non particolarmente…in genere sono più per la naturalità e dunque anche l’andatura femminile a piede scalzo, o almeno a suola bassa, mi sembra più naturale, meno carica di sovrastrutture civilizzanti : – )

  8. componumenti : – )…componimenti-monumento?….ehehehehehe…chiedo venia per il lapsus calami del tutto infondato…infatti le poesie calziniche sono tutto fuor che somiglianti a monumenti, ossia a quegli oggetti che commemorano con pesantezza…sono invece compofluenti, ossia composizioni che sembrano farsi nel mentre stesso del loro fluire : – )

  9. ehehehhe…bella…la particolarità più preziosa dei componumenti calzinici è che sono apparentemente leggeri, ma in realtà sanno andare parecchio nel profondo…qui è bello in particolare il fatto che le parole hanno un ritmo capace di evocare veramente il suono di un “tacchettio” femminile…forte! : – )

Rispondi


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: