Befane, streghe, poesie

Qualche tempo fa ho organizzato e seguito presso il Centro studi pensiero femminile un corso tenuto dalla bravissima Anna Lamberti-Bocconi.

Il corso era una due giorni dedicata alla scrittura poetica femminile. Ci siamo fatte una scorpacciata di linguaggio poetico e di poesia scritta da donne. Ci siamo perciò anche fatte una cavalcata nel tempo fra storie di donne a cui è stato impedito di scrivere, di esprimersi, di essere. Alla fine del corso avevo accumulato quindi una certa rabbia rispetto a tutte queste violenze e l’ho incanalata in questa poesia.

La pubblico ora e la dedico alla Befana e alla Strega che c’è dentro di me e di noi.

Vi ricordo inoltre che se volete celebrare l’Epifania (il giorno dopo) insieme a me il 7 gennaio siete invitate e invitati alla Caffè della Caduta al concerto-reading POESIE ANTIRUGHE LIVE. Insieme a me due bravissime musiciste: Chiara Maritano (chitarra) e Donatella Gugliermetti (percussioni).

Per partecipare, meglio prenotare.

 

Maledizione

Io ti maledico

che mi fai nascosta e paurosa

che mi fai brutta e incomprensibile

e incompresa

che muti le mie parole in belati

le mie fotografie in icone

e in veli e santi ubriachi la mia santità

 

Io ti maledico

che mi fai adatta e di media taglia

che mi fai S, M, L

che mi fa 36, 37 di piede

che mi fai venduta

che mi fai composta e muta

io ti maledico

che mi fai come a te

non fa terrore

come a te non fa stranezza

come a te non fa pericolo

come a te non fa rimprovero

 

Io ti maledico

e preparo ogni giorno il giorno

che verrò

splendida e luccicante a ferirti il cuore

che verrò fiorita

e terribile a dilaniarti la voce

che verrò disarmata

e pericolosa a impazzirti la mente

che verrò enorme

di riso

enorme

di danza

enorme

di eros

enorme

di immaginazione

e intelligenza

e così potente, così potente d’amore.

 

Il mio maleficio è fatto di futuro

che è fatto di presente

che è fatto di passato:

io ero già qui

io sono già qui

io sono qui

 

Io sono quello che non vedi

io sono quello che non sai

io sono dentro tua madre

tua figlia

tua sorella

io sono il ventre che ti ha partorito

io sono il cuore che ti ha scandito

io sono il sangue che ti ha scaldato

io sono la tomba che ti sgretolerà

io sono quello che non vedi

io sono ogni donna

io sono viva

io sono qui

io sono donna

io sono qui.


poesie

Rispondi


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: