Ho deciso, tengo un laboratorio

Dopo lunghe elocubrazioni ho messo a punto alcune idee e quindi il 22 Novembre, a Torino, alla Casa del quartiere di San Salvario terrò un laboratorio, l’ho chiamato POETRYSLAB.
Ecco di cosa si tratta…

Da qualche anno mi occupo anche di poetry slam.

Il poetry slam è una gara fra poeti con giuria popolare. Ha regole semplici: ogni poeta ha 3 minuti per eseguire un testo scritto da lui. Non valgono musiche e travestimenti.
In 3 minuti un testo poetico deve arrivare al pubblico, farsi ascoltare ed esplodere.
Per ottenere questo effetto il testo deve essere scritto e performato in maniera efficace.
Bisogna riuscire a sfruttare al meglio i limiti: il tempo, la presenza del pubblico, il proprio corpo e la voce, la natura del testo e anche la tremarella, il brivido di stare lì, davanti a tutti.
Come?

Lo scopo di questo laboratorio non è né insegnare a scrivere “testi per poetry slam”, né offrire tecniche di dizione o teatrali, ma quello piuttosto di offrire stimoli e uno spazio di esplorazione guidata che possano mettere in circolo idee, direzioni in cui andare, osare, ciascuno secondo il proprio stile, le proprie caratteristiche e con la propria voglia di mettersi in gioco.

Scrivere un testo poetico capace di uscire dalla pagina, dargli corpo e voce. Stare di fronte agli altri in maniera piena, usare i punti di forza e di debolezza.

Lo scopo è giocare con i limiti che pone il poetry slam, esserne consapevoli, utilizzarli in maniera creativa, come stimoli per la scrittura e per misurarsi con la “poesia ad alta voce”.

Insomma, un laboratorio pratico-teorico-esperienziale per giocare con i limiti.

Per chi:
per chi partecipa a poetry slam ma vorrebbe qualche dritta in più
per chi ha scritto un testo, forse due, tre, millecinquecento e vorrebbe, ma non sa…
per chi ci vuole provare
per chi quest’anno si iscrive ad Atti Impuri Poetry Slam
per chi è curioso
per chi si domanda: Ciò che ho scritto va bene per un poetry slam? In che modo far uscire un testo dalla pagina? Leggere davanti a tutti, ma io…?
per gli appassionati di poetry slam
(ma anche per chi non parteciperà mai e poi mai ad un poetry slam, neanche sotto tortura, figuriamoci, io? ma è interessato alla poesia performativa)

Posti a disposizione: max 15
Quando: 22 Novembre 2015
Dove: Casa del quartiere di San Salvario
Durata: full immersion di 6 ore
Orari: 10-13 / 14,30 -17,30 (ritrovo 9,45 al bar dei Bagni Municipali)
Quanto mi costa:
offerta libera suggerita studenti e disoccupati: E 40
lavoratori: E 50
generosi ed entusiasti: non c’è limite al meglio
(coperti i costi di affitto e tempo, quanto avanza va a finanziare l’Atti Impuri Poetry slam)

Come fare a partecipare:
– scrivere una mail entro il 18 Novembre a attimpurislam@gmail.com con nome, cognome, numero di telefono, oggetto: partecipazione a poetryslamlab; vi daremo conferma via mail in base ai posti;
– preparare 1 testo della durata di 1 minuto massimo e impararlo a memoria per il 22 Novembre

Conduzione: Alessandra Racca
Alessandra Racca, torinese, è autrice del blog www.signoradeicalzini.it e scrive poesie. Ha una laurea al Dams, teatro, ha seguito corsi di sceneggiatura e scrittura (Scuola Holden, Rai).
E’ autrice delle raccolte di poesia Nostra signora dei calzini (2008, Ed. Seed), Poesie antirughe (2011, Neo Edizioni) e L’amore non si cura con la citrosodina (2013, Neo Edizioni).
Legge ad alta voce le sue poesie in reading nei quali mescola poesia e teatralità a una dose massiccia di ironia. Dal 2008 porta i reading in viaggio per l’Italia, collaborando con musicisti ed altri artisti.
Da anni partecipa, organizza e presenta poetry e story slam, gare i cui poeti e narratori se la danno di santa ragione a colpi di versi e racconti. E’ organizzatrice e animatrice di Atti Impuri Poetry Slam, il torneo di poetry slam che si tiene alla Casa del Quartiere di San Salvario. Fa parte del direttivo della Lega italiana poetry slam.


e altre cianfrusaglie

Un commento su “Ho deciso, tengo un laboratorio

  1. Pingback: Eventi di Novembre 2015 « Signora dei Calzini

Rispondi


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: