Dove cede il passo
dove si sgrana il contorno
la luce si oscura
lì, il punto dove sostare
vicini molto vicini a sé
abbracciati alla propria natura
nido
germoglio
creatura


poesie

Un commento su “

  1. Sempre molto coinvolgente la tua poetica “fi-si-cale” 🙂 ogni volta annulli l’epocale distinzione fra corpo e spirito, per raccontare noi stessi ancora come un’entità sola 🙂

Rispondi


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: