Autoritratto dandosi del lei con piccola imperfezione

Della faccia direi:
i riccioli
ampia fronte bocca carnosa
naso lungo senza averne l’aria
gli occhi cangianti
un verde ibrido, inquieto

Una donna piccola
di terra, ancorata
apprezza il suo seno
se può, ride
se non può, si nasconde nelle stanze
si comporta come animale ferito
è frenetica, pensa veloce
per attaccare evita
per sopravvivere si assenta, la mente, le va via

colori accesi
antipatie nette
ama forte
piange con gusto
fa i capricci se si annoia

al liceo, un professore dice:
le tue interrogazioni sono come i tappeti persiani
preziosi per via di una piccola imperfezione

lo detesta ma poi

quando la vita fa Buh! e l’atterra
occhi al soffitto si cerca addosso
la cosa preziosa
l’imperfezione


poesie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *