Vento a Torino

Oggi a Torino c’è il vento. Che è una cosa strana. Noi torinesi il vento non lo sappiamo bene. Ci si guarda un po’ così, lo si tratta da spiffero, nel pensare: Ma da dove è passato?
E ti viene da fissare le montagne con sospetto. Se ne stanno lì, innevate, ferme, e ti domandi se staranno continuando a fare il loro dovere.
Il vento muove le cose che prima stavano ferme, un sacchetto di plastica che nessuno guardava ora vola nel cielo e stai lì a sperare che non lo acchiappino i rami degli alberi e possa fare un viaggio più lungo, invisibile allo sguardo, che sa un po’ di infinito.
Quando c’è il vento ti viene il nervoso dei capelli e l’elettricità dei corpi.
Ma soprattutto guardi la punta della Mole che sfida l’aria e pensi a cosa accadrebbe se si mettesse a volare. 
Poi torni a casa, che i capelli si disfano e il vento non lo sai bene.

Libri

Ciao, ecco qualche news libresca:

è in libreria per Avagliano Editore editore “Una stanza tutta per loro” a cura di Alessio Romano e Ale Di Blasio,  un racconto, tra parole e immagini, attraverso la vita e le memorie di cinquantuno scrittrici italiane, a partire dal luogo che prediligono per scrivere

e poi esce oggi per LaVitafelice l’antologia Matrilineare, madri e figlie nella poesia italiana dagli anni Sessanta a oggi, a cura di Loredana Magazzeni, Fiorenza Mormile, Brenda Porster e Anna Maria Robustelli. Un percorso interessante composto da molte voci in poesia.

Fra le altre, in entrambi i libri, ci sono anche io.

Poesia dei nudi

Se nuda ti deludo
Se spoglio mi spaventi

Il corpo senza orpelli
dice la verità:

Come siamo nudi sotto la pelle
Come siamo veri nella paura
Come pauroso è toccarsi
Come solo toccandosi dirsi
qualcosa di altro, di più.

Dal Portogallo a Torino il 2 Dicembre

Ora vi racconto una cosa bellissima.

Il 2 Dicembre verranno a Torino Cristina Andante e Fernando Ladeira di Andante Associação Artística, una compagnia di teatro portoghese che da anni si occupa della promozione alla lettura attraverso la trasformazione di poesie, romanzi e racconti in spettacoli di teatro per adulti e bambini.
Pessoa, a teatro, per i bambini piccolissimi? Loro lo fanno.
In Portogallo, ma non solo, sono una realtà consolidata e interessantissima.
Per il ciclAd alcuni piace la poesia, un incontro speciale con Andante alla Luna’s Torta. Cristina e Fernando ci racconteranno e ci mostreranno il loro lavoro, ci parleranno di poeti portoghesi noti e meno noti, ci leggeranno testi e poesie. Io avrò l’onore di intervistarli.
Vi invito tutti, tantissimo e ancor di più, perché il loro è un lavoro prezioso e di alta qualità per adulti e bambini. Invito soprattutto chi:
– lavora sulla promozione della lettura
– lavora con bambini e ragazzi
– ama la poesia
– ama il Portogallo e la sua letteratura e ne vuole sapere di più

Si capisce che ci tengo molto e vorrei che veniste in tanti?

 

Il mio Neo preferito

Anni fa ho conosciuto Angelo Biasella e Francesco Coscioni, gli editori della Neo, una piccola casa editrice abruzzese. 

Ho pensato, vista la loro linea editoriale, che potevano essere le persone giuste cui mandare il mio lavoro. Ed ho avuto ragione.

Ad anni di distanza non posso che confermare quella mia prima intuizione. Siamo cresciuti insieme, abbiamo pubblicato quattro libri (loro molti di più, ovviamente). Siamo cambiati, tutti e tre, siamo in parte rimasti fedeli a ciò che ci ha fatti incontrare.

Se devo pensare a me e alla Neo edizioni, penso a gente dai percorsi strambi, un po’ inediti. Sono una che scrive poesia, ma l’ho sempre fatto un po’ a modo mio, stortamente, decisamente fuori dai circuiti canonici, forse perché anche il mio rapporto con il linguaggio della poesia è poco canonico, decisamente personale, spesso sporco, ibrido, mutevole, multiforme, dubbioso e incostante, impaziente di esprimersi, insicuro e, credo, per questo, vitale.

Sul perché di queste mie scelte (e non scelte) magari fra un po’ ci scriverò su, perché credo che possa essere utile anche per altri. Oggi no, non ne ho il tempo.

Ma oggi esce invece un’intervista che racconta del loro percorso, quello della Neo. Che è anche un po’ il mio. Ed è con grande affetto, stima e riconoscenza che lo riposto qui, così che possiate conoscerlo anche voi.

Rottermaier

Una novità.

Si chiamano Alessandra Papa e Cristiana Ferrari, oppure Rottermaier e sono molto in gamba. Mi hanno accolta fra i loro autori e io ne sono molto felice!

Abbiamo in cantiere dei bei progetti e molta voglia di realizzarli insieme.

Poetry slam

Forse non tutti sapete che da anni spendo parte del mio tempo ad organizzare, trigare, cosare nel magico mondo poetry slam. Poetry slam? Si domanderà qualcuno di voi.

Ed io gli risponderò così, molto brevemente: il poetry slam è un contest fra poeti performativi con giuria popolare. Ma qui vi spiego di più.

E poi, se volete vederne uno dal vivo, vi invito: Sabato 20 Ottobre, a Torino, all’Off Topic. Serata speciale che apre l’intersa stagione. Il progetto si chiama POETRONICA e unisce poesia e musica elettronica in una serata che parte alle 21 con il poetry slam e finisce nella notte per i nottambuli ballerini.

Per saperne di più, clikkate qui!

Nodi spettinati

Quando i nodi vengono al pettine
quando i pettini vengono al nodo
non c’è santo che tenga
non c’è tenuta di santo
devi trovare il modo
devi sciogliere il nodo

6 (a)politico

Io mi autopromuovo
Tu ti autopromuovi
Egli pure
Noi voi essi 
tutti quanti ci autopromuoviamo:

solo a volte, 
quando siamo disconnessi,
ci concediamo il lusso
di essere bocciati.

Scrivere short a Verbania il 9 dicembre

Scrivere short, il workshop sulle scritture brevi, si sposta. A dicembre sarò ospite di Cristina Savi, on line con il nuovissimo blog Imperfect.

Qui la storia del nostro buffo incontro, fatta da lei e completa di foto di e che faccio una delle mie tipiche facciazze mentre parlo (e parlo e parlo…).

Qui e qui invece tutti i dettagli sul corso e su come iscriversi per dedicarsi una domenica di scritture… anzichè di stress da regali.

Annunciazione di una cosa nuova:
vero che amo molto leggere ad alta voce le cose che scrivo, ma vero anche che l’amore per lo scrivere viene dalla lettura e l’amore per il dire viene dall’aver ascoltato altri dire e poi, per quanto io a tratti possa trovarmi così interessante da autoleggermi in pubblico, al mondo c’è tanta e quanta roba infinitamente interessantissima da eteroleggere. 
Quindi è ora di spargere un po’ d’amore per ciò che amo. 
Dall’11 ottobre, alla Luna’s Torta ecco cosa succede: che ci vediamo, per chi vorrà, una volta al mese con un appuntamento di un’ora circa (che le letture di poesia più lunghe di un’ora e un quarto, per quanto mi riguarda, andrebbero bandite) in cui vi leggo poesie diverse di autori diversi, a mio sindacabilissimo gusto, scelte attorno a un tema.
Si inizia l’11 ottobre (segna su agenda: 11 ottobre, dai) con “La tua risata di gola”, una serata dedicata allo humor in versi, in tutte le sue declinazioni: poeti sorridenti, sornioni, divertenti, comici, ironici, sarcastici, divertiti, divertenti e giocherelloni.

Leggi tutto…

Discomfort zone

 
Esiste un angolo della disperazione
è alla fine di una strada in discesa
rotolano lì il tutto inutile
i non c’è niente da fare
 

Leggi tutto…

Torna il laboratorio per poeti mannari alla Scuola Holden

Da qualche anno tengo a Torino alla Scuola Holden un laboratorio di scritture in versi. Anche quest’anno lo riproponiamo. Per tutti i poeti mannari che vogliono uno spazio da dedicare al leggere, al riflettere e allo scrivere. 

Se volete capire che cosa intendo per “poeta mannaro” e per saperne di più cliccate qui..

Poenuove

Da qualche tempo, a partire dal progetto Inpoetica, sto vivendo alcune esperienze che mi portano ad ascoltare le storie degli altri e a riscriverne dei pezzetti in versi. Questo un testo che ho scritto per il Campus Omodeo, in Sardegna, a partire dal racconto di Sebastiano, un bimbo che mi ha raccontato di come fa il pane con la nonna e di quella volta che ha vinto a basket.

La trovate qui, accompagnata dalla stupenda illustrazione di Riccardo Atzeni.

Sebastiano mi racconta che fa il pane

Sebastiano impara
nel pane la radice
di tanto in tanto – mi dice
bisogna lavarsi con l’acqua le mani
poi corre e lancia forte il pallone

Ed è così che farà
per tracciarsi la via
aggrapparsi a qualcosa nel profondo
da qualcosa correre via

In portoghese

Sono molto felice perché alcune mie poesie sono state tradotte in portoghese e inserite nel numero 3 della rivista di poesia contemporanea NERVO.

Per ricevere Nervo: nervo.colectivodepoesia@gmail.com

Qui nell’immagine la bellissima copertina.
 

Edit this post

Alla libreria Cartabianca

Avviso per gli amici del bolognese e lì attorno: il 6 ottobre sarò a Bazzano Valsamoggia, alla Libreria Carta Bianca, per una giornata di scritture creative. Un laboratorio di 6 ore sulle scritture brevi, con un taglio leggero e divertente per dedicare una giornata alla stanza tutta per sé. E poi si pranza e si sta insieme. Io non vedo l’ora. 

Mi dicono che c’è ancora qualche posto da accaparrarsi. Info e iscrizioni qui: cartabiancalibreria@gmail.com

Iter, laboratori nelle scuole di Torino

“Il gioco è l’arte dei bambini, l’arte è il gioco degli adulti”: parto da una citazione di Maria Lai per dirvi che alcuni dei corsi che propongo per le scuole sono stati selezionati e inseriti nel catalogo Crescere in città di Iter della Città di Torino. È il frutto di un lavoro con ACMOS, che ringrazio molto e con Daniela Rosas di IF life design
Ecco i titoli e i link:
Io e molti altri: un puzzle, primaria 
Scrivere short: creatività come alternativa all’odio, primaria e secondaria
Poesie dal mondo, primaria e secondaria
Corpo poetico, primaria e secondaria
Sono capace?, primaria e secondaria
Ringrazio chi lo farà sapere a insegnanti e genitori!

Per prenotare le attività c’è tempo fino al 12 ottobre compilando  il modulo che si trova qui.

Campus Omodeo

Finite le vacanze si ricomincia a lavorare, ma quest’anno lo faccio da qui: Nughedu, Sardegna. È iniziata la bellissima esperienza dello Spop Campus Omodeo. Porto con me quella di Inpoetica per costruire la performance dell’8 settembre. 
Il racconto di queste giornate lo trovate sulla pagina di Sardarch.

Relaxxx

Amici, questo blog batte un po’ la fiacca per la pausa estiva. Mi perdonate? sì dai!

Se vi manco moltissimo potete seguirmi qui, qui e qui.

Buone vacanze!

Nostra signora dei calzini in libreria

Signore e signori, ecco come inizio questa settimana: raccontandovi che è arrivato nelle migliori librerie Nostra signora dei calzini deluxe, il mio primo libro, antico e introvabile, riedito dalla Neo Edizioni con una nuova veste e nuove poesie.
Per ben iniziare ed essere a metà dell’opera lo presenterò il 7 Giugno nell’amata Gogol & Company insieme a Francesca Genti. Sarà presente anche Daniela Calisi con il suo Distributore automatico di poesie.
Qui l’evento:
Se lo dite a tutti è bello!

Grande e piccola invasione

Ciao, questo post per dirvi che l’1, 2 e 3 giugno mi troverete alla Grande invasione con alcuni laboratori per grandi e piccoli:

Leggi tutto…

Nostra signora dei calzini (again) deluxe!

Signore e signori, sarò breve.
Son passati dieci anni dall’uscita di Nostra signora dei calzini.
Ecco che dunque facciamo la festa a questa ricorrenza. Nostra signora dei calzini, esce, a maggio, in una nuova edizione deluxe, per quei tipi dei tipi della Neo Edizioni.
Il 10, alla Luna’s Torta, per il salone off, facciamo la festa a questa sfacciata riedizione, insieme alle inseparabili e irrinunciabili Chiara Maritano e Donatella Gugliermetti.
Si festeggiano 10 anni, si legge, si calzina. 
Ovviamente insieme a voi!
Ditelo a tutti.
Alessandra Racca “Nostra Signora dei calzini” compie dieci anni

Sabato 7 Aprile a Torino

Uno spazio-abitazione dove tutto è bianco.
Oggetti nascosti da scoprire.
Poesia.
INPOETICA è un’installazione, una performance, un percorso di scoperta, un gioco, un reading, un’esperienza.
 
L’installazione che ospiterà Inpoetica sta prendendo forma.
Noi vi aspettiamo il 7 Aprile a Torino.
Tutte le info per partecipare qui:
 

Leggi tutto…

Nel boschetto della nostra poesia

Piccolo (e non esaustivo) bestiario delle forme di vita che popolano il piccolo e fitto boschetto degli appassionati/conoscitori di poesia:
– i sistematici: sanno tutto ciò che viene pubblicato, da chi, cosa è in preparazione e quali sono i posizionamenti del mondo editoriale. Collezionano, registrano, leggono tutto, sono geneticamente tassonomici;
– i muscolari: essi prendono innanzitutto posizione, con forza; la poesia è questo o non è questo; tizio è un genio, tizio fa cagare; odiano e amano senza grandi scale cromatiche intermedie, al massimo saltano dall’altra parte della barricata;
– gli esperienziali: la poesia è un mezzo, un viaggio; brucano di qua e di là, si specchiano e si indagano con la poesia; amano ciò che amano, che sia antico o contemporaneo, sono emotivamente postmoderni; 
– i solipsisti: amano la poesia più delle persone; detestano le occasioni pubbliche di condivisione della poesia; la poesia è un rifugio del quale fruire possibilmente in pochi, meglio se soli o poco accompagnati;
– gli alicinelpaesedellemeraviglie: amano taaaaaantissimo la poesia, l’arte, la beeeelleeeezza; alcuni li vorresti solo abbracciare, sono esseri speciali, altri ti domandi se ci sono o ci fanno: alcuni ci sono, alcuni ci fanno, ma questo vale anche per tutte le altre categorie;
– eccetera 
Tutte queste bestie, spesso, amano per davvero la poesia. Parlano lingue diverse, di frequente non si capiscono gli uni con gli altri. Alcuni sono di sesso femminile, altri di sesso maschile. Scrivono poesie, alcuni no. Hanno vite variegate, nevrosi, accenti, come tutti gli altri cercano un senso, un io sono, ipotizzano un sarò.